Blog

TradPro
apr 13 2018

TradPro 2018 – Pordenone fa centro!

È già passata quasi una settimana dalla prima edizione di TradPro tenutasi proprio qui a Pordenone. Ma noi di LEXILAB abbiamo ancora le idee fresche e i volti delle nuove conoscenze ben presenti. È stata un’esperienza molto positiva e ci ha dato tanti nuovi stimoli, da sempre al centro del nostro lavoro.

L’iniziativa, e l’intuizione giusta, è venuta a Eleonora Cadelli, e l’evento è stato organizzato in maniera davvero impeccabile grazie alla collaborazione con Francesca Casali di Exigo Media Events. Noi abbiamo partecipato come sponsor dell’intervento della nostra collaboratrice Martina Lunardelli e siamo molto fieri di aver supportato questa iniziativa e del riscontro che abbiamo ricevuto.

Sono venuti a trovarci linguisti un po’ da tutta Italia, e anche oltre, con presenze dalla Germania, dal Lussemburgo e da altri paesi europei. È stato bello dare un volto a persone con cui ci sentiamo solo per mail o telefono e un’occasione unica per fare rete con colleghi nuovi e rinforzare conoscenze già consolidate.

La giornata, che ha avuto il supporto del Comune e di varie aziende locali, è stata un successo anche per promuovere la città dal punto di vista turistico e far conoscere le bellezze del centro storico. Soprattutto è stata una scommessa vinta e ha dato ancora più forza e convinzione per promuovere eventi di questo tipo, candidando TradPro e Pordenone a diventare nuovo punto di riferimento e incontro per i professionisti della traduzione a Nord-est e oltre.

Visitate la nostra pagina Facebook per sfogliare le foto dell’evento
Ringraziamo di nuovo tutti per la professionalità, l’entusiasmo e la collaborazione.

Ci vediamo a TradPro 2019!

trends_2017
dic 04 2017

Traduzione: quali idee di business per il 2018?

Un altro anno positivo e in crescita per l’industria della traduzione. Mai come quest’anno si è parlato tanto di tecnologie e novità che vedranno il loro boom nel 2018.

Ma quali sono i trend e le novità concrete che possono tradursi in idee di business da cogliere al volo per creare nuove fonti di guadagno e comunicazione? Vediamo le soluzioni più interessanti.

App

Non hai ancora una app per i tuoi prodotti/servizi? È il momento buono per crearne una e tradurla in più lingue: potrai così massimizzare il numero di persone che la possono installare, usare e condividere e  la tua comunicazione non avrà più confini.

La traduzione di App in varie lingue, già presente da alcuni anni, ha avuto un picco nel 2017 che si prevede diventerà un vero e proprio boom il prossimo anno.

Video

Nell’era dei social media la strategia di comunicazione vincente passa senza dubbio dal video marketing.  YouTtube e Facebook fanno registrare un numero impressionante di video caricati ogni minuto. Va da sé che ogni video chiama la traduzione dei testi per rendere il contenuto fruibile a più persone. Per tradurre un video sono possibili due strade: il voice over o doppiaggio e il sottotitolaggio. Se noi italiani amiamo film e video doppiati, soluzione comoda per l’utente ma alquanto costosa, negli altri paesi i giovani preferiscono la modalità sottotitoli che è anche un’opportunità per imparare nuove lingue. Non abbiate quindi timore a creare i vostri video multilingua, la soluzione con sottotitoli è molto più economica di un doppiaggio!

Lingue asiatiche

In una recente intervista, Eric Liu, general manager di Alibaba ha previsto che il cinese assumerà un ruolo sempre più prominente nell’industria della traduzione sia come lingua sorgente che come lingua target. Il numero di parlanti cinese è simile a quello dei parlanti inglese e, di natura, i cinesi sono aperti al web che vedono come fonte di informazioni e conoscenza del mondo esterno. Nei prossimi 5-10 anni ci sarà un numero sempre maggiore di cinesi che utilizzeranno il web per comprare prodotti, servizi, viaggiare ecc. Il che ovviamente comporterà la necessità di traduzioni e la richiesta di servizi linguistici si moltiplicherà in breve tempo.

Il cinese ha 955 milioni di parlanti e l’economia cinese registra una crescita costante, destinata a superare gli Stati Uniti nei prossimi anni. Ma, oltre al cinese vanno tenute in considerazione anche l’arabo, lingua ufficiale in 28 paesi con 256 milioni di parlanti e 2° lingua più importante in futuro secondo il British Council e l’hindi, 5° lingua più parlata al mondo con 260 milioni di parlanti e quella che sembra destinata a diventare l’economia a più rapida crescita a livello mondiale.

Traduzione automatica

Il tema caldo dell’anno è stato sicuramente la traduzione automatica con progressi sempre più altisonanti tra traduzione automatica neurale e adattativa arrivando addirittura ad ipotizzare già per il 2018 una competizione tra traduzione automatica e traduttore umano. Se i big player come Microsoft, Google, Facebook e Amazon mostrano interesse e investono in queste tecnologie, è evidente che ci vorranno ancora molti anni prima che la qualità di una traduzione automatica sia paragonabile a quella di un traduttore umano per come la intendiamo noi professionisti del settore.

Indubbiamente però la traduzione automatica è più veloce di un traduttore umano e può essere utile in determinati ambiti, ma devono essere ben chiari finalità,  destinatari e implicazioni legate alla sicurezza dei dati.

In generale stiamo vivendo un momento di gran fermento e cambiamento  che porterà a una crescita costante del settore anche nel 2018. Saremo al vostro fianco per aiutarvi e scegliere tra i nuovi trend e cogliere le opportunità migliori per il vostro business.

Movember
nov 10 2017

Movember. Chi è costui?

Uno degli emoji di skype in evidenza questo mese è questo signore qui. Sapete chi è?

movember

(No, non è Sherlock Holmes.)

Skype, gentilmente, fornisce anche un’etichetta con le traduzioni per tutti i nomi degli emoji, ma in questo caso ci lascia nel dubbio con l’etichetta originale: Movember. Chi è costui? Che sia una di quelle famose parole intraducibili?

Movember è definita in linguistica una parola Macedonia, vale a dire un neologismo formato da due parole fuse insieme: dall’inglese moustache (baffi) + November.

Nel mondo inglese Movember è il nome di un evento che si svolge nel mese di Novembre. Si tratta di una campagna di sensibilizzazione che invita gli uomini a lasciarsi crescere i baffi per raccogliere fondi e aumentare la consapevolezza sulla salute degli uomini in particolare sul carcinoma della prostata (vedi sito in inglese). Quest’anno la campagna celebra il decimo anniversario.

Questa campagna sta diventando sempre più conosciuta anche al di fuori dei confini anglossasoni e anche l’emoji è diventato più facile da comprendere, ma rimane un bell’esempio di quanto sia difficile catturare una cultura, un movimento, una campagna, un’idea, un concetto e trasportarlo con una parola in un’altra cultura, in cui non ci sono riferimenti diretti nella società, e in un’ altra lingua in cui lo stesso gioco di parole non è riproducibile.

A questo punto le strade possibili sono due: a volte, come in questo caso, si preferisce lasciare la parola originale, in altri casi si può creare una parola completamente nuova che abbia senso nella propria lingua. Insomma un po’ come tornare bambini e inventare parole magiche. Che bel lavoro fa il traduttore!

Che sian baffi o macedonie, buon Movember a tutti da LEXILAB!

Pagina 1 di 1412345...10...Ultima »