Blog

golf traduzione
Set 08 2020

Golf in translation: allenamento per la concentrazione

Cosa accomuna una gara di golf e una traduzione?

Con tutta onestà posso dire: assolutamente niente. O forse no? Praticando questo sport da qualche anno, mi è venuto spontaneo fare alcune associazioni.

Il golf è spesso considerato un’attività che tutti possono fare perché tanto basta camminare in mezzo al verde, colpendo ogni tanto una pallina, e camminare è una cosa che sappiamo fare tutti, no? In realtà giocare a golf richiede una buona preparazione tecnica, con tante ore di pratica e un allenamento costante per vedere dei risultati.

La traduzione è spesso considerata un’attività che tutti possono fare perché tanto basta conoscere una lingua straniera, e scrivere è una cosa che sappiamo fare tutti, no? In realtà tradurre richiede un’ottima preparazione tecnica, con tante ore di pratica e un allenamento costante per vedere dei risultati.

Nel golf ogni colpo è qualcosa di nuovo: bisogna analizzare la posizione della pallina, valutare la distanza dall’obiettivo, decidere quale ferro usare e come impugnarlo, capire come posizionare i piedi.

Ogni traduzione è qualcosa di nuovo: bisogna analizzare il testo, valutare l’obiettivo e il pubblico a cui è destinato, decidere quale stile usare e come presentarlo, capire il messaggio da trasmettere.

Il golf richiede presenza e concentrazione: fatte tutte le prove, ci si presenta sulla pallina sicuri della propria esperienza e l’unica cosa che conta è restare centrati e lasciar andare il colpo verso l’obiettivo.

Tradurre richiede presenza e concentrazione: tutta la conoscenza e lo studio pregresso ci supportano al momento di tradurre per essere sicuri delle nostre capacità e concentrati sull’obiettivo.

Giocare a golf è quindi un buon modo per allenare la concentrazione ed essere presente e centrata anche nel mio lavoro.

Ecco perché LEXILAB parteciperà come sponsor al Golden Gala Golf Pordenone, sarà una bella giornata di gioco, concentrazione, gruppo e perché no, anche premi.

Comunicare
Mag 13 2020

Comunicare: ripartiamo insieme!

La fase 2 è già iniziata e le spinte alla voglia di riprendere, di agire e di fare si alzano ovunque. Più e meglio di prima abbiamo voglia di comunicare al mondo che ci siamo: che i prodotti Made in Italy e le eccellenze del nostro territorio devono essere presenti nel contesto internazionale e che sappiamo dare fondo alla nostra inventiva e creatività per adattarci e superare barriere, limiti e burocrazie che sembravano insormontabili.

In questo periodo noi, come molte altre realtà italiane, non ci siamo fermati e abbiamo continuato a lavorare nella sicurezza delle nostre case.

Pensavamo di festeggiare i nostri 10 anni di attività in modo diverso ma questa situazione ci ha permesso di riflettere meglio sulla nostra identità e i nostri valori.

I nostri punti di forza sono Flessibilità, Agilità e Collaborazione. Ci hanno permesso di essere costantemente al fianco delle aziende che anche in questi mesi hanno fatto della comunicazione il loro prodotto di punta mantenendo costante il rapporto con i loro clienti, facendo sentire viva la loro presenza ed energia in tutti i mercati.

Siamo al vostro fianco per raccontare le vostre storie e ricreare le vostre emozioni con parole diverse adatte al pubblico che volete raggiungere: creiamo ponti per rendervi più vicini ai vostri clienti.

Mai come in questo momento è importante comunicare, far sapere che siamo presenti in tutti i mercati internazionali, far vedere la bellezza dei nostri prodotti, l’efficienza delle nostre aziende, la creatività del nostro spirito, l’identità unica del nostro saper fare.

Nuove idee, nuove soluzioni, nuove opportunità, nuovi modi di pensare nasceranno nei prossimi mesi.

Noi vi accompagneremo in questo viaggio pronti a soddisfare le vostre nuove esigenze e la voglia di raccontarvi.

Salone
Apr 09 2019

Il Salone degli invisibili

Oggi inizia il Salone del Mobile di Milano. Tutto è pronto e scintillante, ogni dettaglio curato nei minimi particolari, pronto per farsi vedere, ammirare, toccare, fotografare, scrivere, descrivere, postare e twittare. Dentro e Fuori si taglia il nastro e via, si va in scena,  per un’altra memorabile settimana senza notti e senza sosta di emozioni, design, innovazione e ingegno.

Oggi il nostro pensiero va agli invisibili. A quella moltitudine di montatori, decoratori, pittori, stampatori, grafici, copywriter, tutte  quelle persone che con le loro attività più disparate hanno lavorato dietro le quinte per rendere possibile questo miracolo di bellezza, creatività, eccellenza tutta italiana.

Anche noi facciamo parte degli invisibili. Il nostro salone lo viviamo dal dentro, prende forma al contrario a poco a poco. Si comincia a marzo a gettare le fondamenta, la solidità e concretezza dei listini, con quella ripetizione di concetti che dà confidenza e sicurezza, e l’eleganza dei cataloghi, giochi di parole che intrecciano emozioni, esplosione di forme e colori. Ma è nella settimana che precede il Salone che prende forma la filosofia alla base, il filo conduttore che unisce e racconta attraverso il design uno stile di vita, i valori fondanti di un gruppo, l’ispirazione di una nuova linea. E allora è tutto un susseguirsi di articoli, news, interviste, company profile, magazine, slogan in cui si riversa l’estro creativo dei copywriter che nel giro di poche ore vengono interpretati e resi disponibili in inglese perché tutti possano fruirne ed essere parte dell’evento. Si lavora di giorno e di sera, in due, in tre, insieme, uniti in squadra.

Quando gli invisibili posano i loro strumenti è allora che lo show ha inizio, pregno di tutta la loro forza e fatica che lo fanno risplendere portando il design, la qualità e l’eccellenza del made in Italy in tutto il mondo.

Buon Salone a tutti!

Pagina 3 di 1712345...10...Ultima »
Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. OK Maggiori informazioni